Francesco nell'arte

Museu Nacional de Belas Artes Rio de Janeiro, Brasile30 gennaio - 8 aprile 2018 Cola Dell'Amamatrice, Madonna del latte e Santi, Pinacoteca Civica di Ascoli Piceno   L'immagine di Francesco di Assisi, l'umile ...

L'arte che salva. Immagini della predicazione tra Quattrocento e Settecento. CRIVELLI LOTTO GUERCINO

A cura di Giuseppe Capriotti e Francesca Coltrinari Museo-Antico Tesoro della Santa Casa di Loreto   E' possibile acquistare il biglietto online tramite il link http://www.liveticket.it/lartechesalva     La mostra apre il ciclo di eventi "Mostrare le ...

http://www.artifexarte.it/components/com_gk2_photoslide/images/thumbm/378559Cola_Dell_Amamatrice__Madonna_del_latte_e_Santi__Pinacoteca_Civica_Ascoli_Piceno.jpg
http://www.artifexarte.it/components/com_gk2_photoslide/images/thumbm/948080banner_prova_2.jpg
News Image

Francesco nell'arte

Museu Nacional de Belas Artes Rio de Janeiro, Brasile30 gennaio - 8 aprile 2018 ...

News Image

L'arte che salva. Immagini della predica

A cura di Giuseppe Capriotti e Francesca Coltrinari Museo-Antico Tesoro della Santa Casa ...

Home Mostre passate Maria Mater Misericordiae
Maria Mater Misericordiae

Palazzo del Duca

Piazza del Duca, 1

Senigallia

28 ottobre 2016 - 29 gennaio 2017

stendardo 220x360 LEONARDO immagine Senigallia

Orari
dal martedì al mercoledì
15.00-20.00
dal giovedì alla domenica
10.00-13.00 e 14.00-19.00

lunedì: chiuso

Informazioni
tel: 366.67.97.942
Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.
www.senigalliaturismo.it

Biglietti

Vai alla photogallery - Conferenza stampa

Vai alla photogallery - Inaugurazione

L'immagine della Vergine Maria, quasi sempre con il suo divino Figlio in braccio, almeno nelle immagini più antiche, accompagna da sempre la vita delle comunità cristiane. La mostra vuole evidenziare questa devozione del popolo cristiano, che ha trovato espressione altissima nelle opere dei maggiori artisti dell'ecumene cristiano, sia in Oriente che in Occidente, partendo dall'invocazione della Vergine Maria sotto il titolo di Madre della Misericordia.

L'esposizione presenta infatti una significativa carrellata di immagini mariane che hanno il loro punto iniziale nelle rappresentazioni della "Madonna della Misericordia" o "Madonna del Manto". L'immagine della Vergine che accoglie sotto il suo mantello spiegato un gruppo di fedeli risale al secolo XIII e ha trovato ampia diffusione nell'azione dei ordini mendicanti e delle confraternite laicali, ancor oggi chiamate "Misericordie". Ben presto le raffigurazioni della Madonna della Misericordia, si arricchirono di folle sempre più folte di personaggi, chierici e laici, uomini e donne, nobili e popolani, confidenti nell'aiuto e nell'intercessione della Vergine contro pestilenze e calamità. L'esposizione, oltre all'iconografia della Madonna della Misericordia, presenta altre raffigurazioni mariane, sotto titoli differenti, ma sempre legate al ruolo di protettrice e di intercessione verso il Signore. Così viene dato ampio spazio alle raffigurazioni della Madonna del latte o Madonna delle Grazie: un'iconografia assai diffusa sia in Occidente che in Oriente (Galaktotrophusa). Il tema di Maria che allatta il divino Infante, nato in tempi assai antichi per diffondere e sostenere la natura umana di Cristo, accanto a quella divina, contro le eresie che la negavano, ha avuto un grande sviluppo in Italia ed ha interessato i maggiori interpreti dell'arte pittorica e scultorea medievale e rinascimentale. Affini alle icone della Galaktotrophusa sono le rappresentazioni orientali della Vergine Eleusa o Madonna della Tenerezza, così chiamata nelle raffigurazioni occidentali. Anche questo è un tema assai visitato dagli artisti. Così come il tema della Pietà che ha visto l'impegno di sommi maestri, a partire dallo stesso Michelangelo. L'ultimo segmento dell'esposizione presenta le immagini della Vergine in preghiera, con le mani giunte, ad evidenziare il suo ruolo di intercessione presso Dio.Una mostra che costituisce non solo un omaggio alla Theotokos (Madre di Dio), a conclusone del Giubileo della Misericordia, ma offre l'occasione al grande pubblico di avvicinarsi ad un tema iconografico suggestivo e assai visitato, che costituisce un piccolo spaccato dell'immenso deposito di fede e di arte accumulato nel corso dei secoli, patrimonio ormai non solo del popolo cristiano ma dell'intera umanità.